Questo volume è la sintesi del lungo lavoro di ricerca intrapresa da Manfredo Bendotti alla scoperta o meglio "riscoperta" della Valle di Scalve. A questo lavoro sul campo si è aggiunta la paziente ricerca svolta da Maurilio Grassi di documenti e testimonianze riguardanti l'uso e la fabbricazione della calce.
"…Un' opera come la presente ha il grande valore di raccogliere tutto il possibile sul passato prossimo e remoto di un tema, localizzandolo con precisione, salvando le ultime testimonianze del vissuto, inquadrandolo nel contesto di una tradizione locale che si va spegnendo troppo rapidamente.
I latini avrebbero detto che è pietas per i nostri comuni lares, virtù altissima per loro, base sacra, legante a tutto ciò che è sangue, vicenda e tradizione di una gens. Maurilio ha questa pietas patriae e l'ha già mostrata con l'arte rupestre, setacciando ogni angolo della Valle, con il mondo delle miniere ed altri mondi della vetusta Valle di Scalve; è cosa che si sente, che ti comunica, come una cosa che gli appartiene, di cui fa parte e indubbiamente il genius loci gli è amico e un po' s'incarna in lui. La storia delle calchere e dei calcheröcc della Valle di Scalve è in questo quadro, l'imblematezza in un microcosmo alpino, dando una visione analoga del fenomeno; con rigore Maurilio Grassi ha ricostruito questo mondo e ce lo trasmette, delineando con senso concreto procedimenti, tecniche, passaggi del lavoro, difficoltà e riti e aspettative umane. Chi ama la storia e la montagna e quindi le tante piccole tracce che la montagna rivela degli uomini che vi sono riuniti, apprezzerà questo testo."

Umberto Sansoni
Dipartimento Valcamonica del Centro Camuno di Studi Preistorici

www.scalve.it