FUNGHI DELLA VAL DI SCALVE
di Manfredo Bendotti (detto Mago) e A.M.B. Villa d'Ogna

Nome scientifico

Nome volgare
Amanita phalloides (Vaill.: Fr.) Link
CAPPELLO:

50-130 mm. Emisfero, quindi convesso, infine appianato; sovente ricoperto da lembi membranacei, residui del velo generale, di vari colori, verdastro, verde oliva, giallo-bruno verdastro, pių chiaro all'orlo che č liscio.

LAMELLE:

libere, fitte e sottili; bianche.

GAMBO:

75-130x10-25 mm. Progressivamente attenuato verso l'alto, di colore giallo-olivastro su fondo bianco; pieno, poi farcito; bulboso alla base dove č ricoperto da una volva.

ANELLO:

piuttosto in alto, disposto a gonnellino, sottile, bianco, pių o meno persistente.

VOLVA:

a sacco abbastanza sottile, aderente al bulbo ma libera all'orlo, rotta in lacinie bianche.

CARNE:

prima soda, poi molliccia, bianca, sfumata di verde sotto la cuticola; odore un po' maleodorante, sapore non rilevante.

HABITAT:

prevalentemente in boschi di latifoglie; specialmente associata al nocciolo.

COMMESTIBILITA'

mortale.

Programmazione: Software & Technology Information - Foto Giorgio  www.scalve.it

<>funghi della Valle di Scalve<>

www.scalve.it