Nina, di Dezzo, intervista raccolta nel 1983.

Dove si trovava la mattina del crollo?
Mi trovavo in casa e stavo preparando il caffŔ. Ad un tratto udii un forte rumore e vidi che la casa si stava allagando. Mio padre era ancora letto, la mamma era in chiesa. Il primo istinto fu quello di fuggire ma ricordai che in casa c'era ancora il papÓ. Corsi allora in camera per svegliarlo, lo trovai in piedi che si stava vestendo in tutta fretta.
Uscimmo di corsa da casa ma l'acqua ci aveva raggiunto e ci stava travolgendo. Per fortuna ci pass˛ davanti un carretto che galleggiava sull'acqua, il papÓ riuscý ad afferrarlo e, aggrappati a quello, riuscimmo a raggiungere la terra ferma. Poco lontano vidi la mia nipotina che era stata anch'essa travolta, la raggiunsi e la salvai.

Nel disastro perse qualche familiare?
Si, due sorelle sposate e tre nipotini. Abitavano in una casa vicino alla centrale. I cognati si salvarono perchÚ non erano in casa. Uno di loro divenne poi mio marito.

Quali conseguenze ebbe per lei il disastro?
La disperazione e il terrore provati in quei giorni mi fecero ammalare. Dovetti sottopormi a numerose cure per molto tempo. Avevo incubi continui, vedevo continuamente acqua, fango, cadaveri e macerie.
Molte persone rischiarono di perdere la ragione e dovettero essere curate. Ricordo che quando pioveva a lungo mi ritornavano gli incubi perchÚ la pioggia mi ricordava quei giorni tremendi.

La sua casa fu distrutta?
La mia casa sorgeva sulla riva sinistra del Dezzo, nei pressi della casa parrocchiale. Non fu completamente distrutta, fu tagliata a metÓ, rimasero in piedi sono due pareti. I soldati della milizia portarono delle tende per i senzatetto.
L'opera di ricostruzione fu fatta in un secondo tempo grazie al lavoro e alla volontÓ dei sopravvissuti.

www.scalve.it