GIOVANNI RODIGARI [G.R.]
Nato a Bondione nel 1912. Lavora alla Manina, a Pisogne e Bovegno per circa 10 anni.E' anche emigrante e svolge diversi lavori, soprattutto nella costruzione di gallerie.
La testimonianza stata raccolta a Pezzolo il 5 febbraio 1989. Durata: 40'

Le osterie: hai conosciuto il povero Piero di Fantine? Quando passavamo dalla Nona entravamo dalla tabachna, una povera vecchia; si arrangiava anche lei per guadagnare due palanche. Il Piero mi diceva: Giovanni, entriamo! Dicevamo alla vecchia: u! (voi!) e lei: s, capt al (s, ho capito), e ci dava una piccola scodella di vino. Tornavamo la sera alle 10; allora ero io che invitavo il Piero ad entrare. La scena era identica sempre. Una sera entriamo: u! e lei: pta, sono arrivata in fondo alla pagina, piena di scodelle di vino, non vorrei voltare la pagina. U, m ciapt la paga (abbiamo preso lo stipendio), tirate assieme il conto. E lei: glira gire p la pagina (allora giro la pagina). E tornava ancora la corona delle scodelle. Vendeva anche lei il vino di frodo, ma pta, era magra a quei tempi. Caro mio, se mi giravano a gambe all'ins non usciva mai nemmeno una palanca. [G.R.]

www.scalve.it