Articolo tratto da "L'Eco di Bergamo" giovedì 7 maggio 2009
Valle di Scalve - Una giovane automobilista l'ha notato in contrada Grana
JJ5 avvistato sulle strade di Colere

COLERE - Nuovo avvistamento dell'orso JJ5, che sembra aver lasciato momentaneamente la Valle Brembana.
È infatti stato visto martedì sera nel territorio comunale di Colere da una ventiduenne che stava rientrando a casa in automobile. Dopo le scorribande compiute negli ultimi tempi in diverse località brembane, dove per nutrirsi dopo il letargo invernale ha predato pecore, capre, arnie e pollame, e dove è stato anche fotografato in una zona al di fuori del Parco delle Orobie (ricordiamo però a questo proposito che un'ordinanza dell'ente vieta di fotografarlo), il nostro orso bruno, attraversata l'alta Valle Seriana, ha quindi raggiunto la Valle di Scalve.
L'incontro ravvicinato con l'orso è avvenuto sulla strada che dalla località Castello porta all'abitato di Colere, ed esattamente in contrada Grana. Erano le 22,30. Dell'emozionante avvenimento è stata protagonista Piera Piantoni, che lavora al mattino nel ristorante-pizzeria “4 Pis” di Colere e nel pomeriggio, sempre a Colere, nell'azienda di famiglia, che ha sede al civico 2 di via Lorenzo Perosi. “Erano più o meno le 22,30 - racconta la giovane - e stavo tornando a casa in auto da Vilminore. Raggiunta la località Grana, proprio all'altezza della prima casa della frazione, ho notato qualcosa di scuro che attraversava la strada, dirigendosi verso monte. Ho pensato in un primo momento a un grosso cane. Dopo aver acceso i fari abbaglianti, però, ho visto che si trattava invece dell'orso di cui tanto si è parlato in questi ultimi mesi. L'animale si è arrampicato sul muro, che s'innalza a monte della strada subito dopo la prima casa, e poi l'ho notato mentre stava tentando di scavalcare una recinzione metallica poco sopra il muro. Naturalmente ero emozionata, sicuramente non mi aspettavo un incontro con JJ5 così da vicino. Non mi sono naturalmente fermata, mi sono diretta verso casa ansiosa di raccontare il fatto ai miei”.
Piera Piantoni ieri mattina ha poi avvertito dell'avvistamento i forestali della stazione di Vilminore, che l'hanno raggiunta per ricostruire l'episodio.
Enzo Valenti

www.scalve.it