Articolo tratto da "L'Eco di Bergamo" 26 marzo 2009
Il presidente di “Pensare cristiano” sostenuto dall'opposizione. L'attuale sindaco alleato dell'ex avversario Spada
Schilpario, Maffeis in campo e Bendotti cerca il bis

SCHILPARIO Grandi manovre in corso, a Schilpario, per le elezioni comunali di giugno. Con rimescolamenti di carte e new entry negli schieramenti che finora sono rappresentati in municipio. Due i nomi che puntano a conquistare il Comune scalvino di 1.318 abitanti. E’ ufficiale la candidatura a sindaco di Francesco Maffeis: con la nuova lista civica “Per Schilpario” sfiderà il primo cittadino uscente Gianmario Bendotti, che si ripresenterà anche con l'appoggio dell'ex avversario Franco Spada (già presidente della Comunità montana).
LA LISTA "PER SCHILPARIO”
Francesco Maffeis, titolare della Framar di Bagnatica e presidente dell'associazione “Amici di pensare cristiano”, è legato alla comunità di Schilpario da almeno trent'anni, come lui stesso ricorda. “Ho conosciuto la Valle di Scalve per lavoro - racconta - e subito ne sono entrato in sintonia come villeggiante. Con la mia famiglia ho acquistato casa e, insieme a mia moglie e ai miei quattro figli, abbiamo trascorso a Schilpario ogni anno le vacanze, inserendoci sempre di più nel tessuto sociale”.
Maffeis, presidente dell'Udc provinciale dal 2005 al 2007, è stato anche presidente per due mandati della casa di riposo locale “Bartolomea Spada” e della Fondazione Spada. “Incarichi istituzionali - precisa il candidato sindaco di "Per Schilpario" - assunti grazie alla fiducia accordatami dall'allora sindaco di Schilpario Mario Maj e dal caro amico monsignor Andrea Spada”.
A sostenere la sua candidatura l'attuale gruppo di opposizione “Schilpario Viva”, che nel 2004 candidò Franco Spada. Da due anni e mezzo, però, all'interno della minoranza c'è stata una spaccatura, che vede da una parte Spada e dall'altra gli altri tre consiglieri (Claudio Agoni, Alvaro Ghibesi, Silvestro Grassi). Agoni, già sindaco di Schilpario per due mandati, conferma: “Spada va per la sua strada, noi per la nostra. E la nostra è sotto l'egida "Per Schilpario", guidata da Maffeis, a cui abbiamo chiesto di scendere in campo”. E l'interessato ha accettato, “con l'intento di mettermi al servizio della comunità»”.
Tre gli appuntamenti della lista civica “Per Schilpario”, per definire il programma: venerdì 3 aprile, alle 20,30, all'asilo di Barzesto; il giorno dopo doppio round: alle 17 all'oratorio di Pradella e alle 20,30 all'oratorio di Schilpario.
E "NUOVA SCHILPARIO” CAMBIA
Ma anche il gruppo di maggioranza “Nuova Schilpario” non sta con le mani in mano e sta affilando le armi. Il sindaco uscente Gianmario Bendotti (che nel 2004 superò lo sfidante Franco Spada con 522 voti a 385) è più che intenzionato a cercare il bis e inizia a mettere insieme la squadra. “Stiamo predisponendo lista e programma. Organizzeremo una serie di assemblee”, dice, annunciando che il gruppo cambierà il nome probabilmente in “Insieme (o Uniti) per Schilpario”, “perché ci saranno nuove candidature rispetto al 2004”. Senza esclusioni di colpi. E’ praticamente cosa fatta l'accordo con l'ex avversario Spada. “La lista la faremo insieme”, assicura l'attuale sindaco. E Spada non smentisce: “I fermenti ci sono. Stiamo lavorando per mettere insieme i due gruppi, l'attuale maggioranza e il mio”.
Bendotti, nell'esperienza amministrativa prima di diventare sindaco, è stato consigliere di minoranza e assessore in Comunità montana. Spada, invece, può vantare 19 anni alla guida dell'ente sovraccomunale di Vilminore e, più recentemente, la leadership del comitato per salvare dalla soppressione la Comunità montana di Scalve.
Benedetta Ravizza

www.scalve.it