Articolo tratto da "L'Eco di Bergamo" 13 aprile 2010
Palazzetto rovinato dalla neve
La controffensiva nel bilancio
Schilpario, 980 mila euro per rifare la copertura. Il sindaco: è una priorità
Potenziamento della pista di fondo e minicentrale elettrica fra le opere 2010

SCHILPARIO Sono turismo, cultura ed energia rinnovabile le parole chiave per la lettura del bilancio 2010 a Schilpario. Il Comune scalvino, che fa del turismo uno dei suoi punti di forza, nel piano delle opere pubbliche previste per il 2010 ha inserito un importante investimento per riqualificare le strutture ricettive.
La priorità assoluta è la sistemazione e la messa a norma del palazzetto dello sport adiacente alla pista di fondo, che aveva subito ingenti danni alla copertura a causa delle abbondanti nevicate della stagione invernale 2008-2009. Un intervento da 980 mila euro, da attuare anche grazie al contributo della Regione.
“Il palazzetto è una struttura utilizzata sia in inverno che in estate - spiega il sindaco di Schilpario Gianmario Bendotti -. D'inverno viene trasformato in una splendida pista di pattinaggio, mentre d'estate è il palcoscenico di eventi di vario tipo: solo per fare un esempio, negli anni passati abbiamo ospitato il concerto dei Nomadi e il tour di Radio Italia, eventi che hanno richiamato in valle centinaia di persone. È importante quindi che le strutture destinate all'accoglienza dei turisti siano sempre al 100%. I lavori partiranno quest'anno”. Sempre in quest'ottica saranno quindi sistemati i parcheggi vicini alla pista di fondo. E un ulteriore investimento riguarderà l'innevamento artificiale della stessa pista, che verrà potenziato grazie alla realizzazione di un nuovo impianto.
Ma non c'è solo il turismo nei progetti della Giunta: anche la cultura gioca un ruolo di primo piano, con due diversi progetti. Il primo è quello che riguarda la ricostruzione del museo della miniera, in località Fondi, anch'esso danneggiato dalle abbondanti nevicate della passata stagione. Il museo fa parte del parco minerario “Ing. Andrea Bonicelli” che permette di riscoprire, attraverso visite guidate e approfondimenti, la vita dei minatori. Per la ricostruzione del museo, appunto parte integrante di questo percorso, saranno stanziati 800 mila euro, mentre altri 150 mila andranno per la ristrutturazione e per l'ampliamento dei locali che ospitano la biblioteca e il museo etnografico.
Un'altra opera importante è la costruzione di una minicentrale idroelettrica. Quest'opera si inserisce in un progetto più ampio che il Comune ha già iniziato negli anni passati installando pannelli fotovoltaici per l'approvvigionamento d'energia alla scuole del paese. Per la costruzione di questa minicentrale, che funzionerà grazie all'utilizzo dell'acquedotto comunale, verranno stanziati 400 mila euro per il 2010, ma nei programmi c'è anche la costruzione di una seconda minicentrale per il 2012, per la quale dovrebbero essere stanziati altri 750 mila euro.
Soddisfatto del programma delle opere il sindaco Gianmario Bendotti, anche se non si nasconde dietro inutili giri di parole quando deve descrivere le difficoltà incontrate nella stesura della previsione di bilancio. “Per il 2010 il nostro bilancio pareggia a 5.624.000 euro, ma nella sua stesura abbiamo incontrato non poche difficoltà. I soldi a disposizione dei Comuni sono sempre meno. Tuttavia, visto il momento di crisi che stiamo attraversando, e visto che la nostra gente fa enormi sacrifici per poter andare avanti, anche noi abbiamo deciso di fare un piccolo sforzo per aiutarla, decidendo di mantenere invariate le varie tariffe”.
“In realtà - ha continuato - era intenzione della Giunta ritoccare le quote dell'Ici, ma solo per coloro che a Schilpario hanno la propria seconda casa. A causa della normativa vigente non ci è stato possibile applicare nemmeno questo ritocco. L'unica tariffa che verrà leggermente incrementata sarà quella dei rifiuti solidi urbani, cambiamento che dipende dai costi del termodistruttore di Rovato”.
Alice Bassanesi

www.scalve.it