www.scalve.it

BREVE CORSO DI FOTOGRAFIA PER PRINCIPIANTI

di Roberto Urbinati e Piergiorgio Capitanio

 

Introduzione

Breve storia della
fotografia

INDICE ANALITICO
A
Angolo di campo
ASA

C
Campo
-Angolo di campo
-ProfonditÓ di campo
-ProfonditÓ di campo e lettura dell'obiettivo
-ProfonditÓ di campo e diaframma
-ProfonditÓ di campo e obiettivi
Cornea
Cristallino

D
Diaframma

-Misura del diaframma
-Numero di diaframma
-Relazione col tempo d'esposizione
-Serie dei numeri
-Diaframma e profonditÓ di campo
DIN

E
Emulsione
E.V.

Esposimetro

F
Filtri correttivi
Flash
Fotocamera
f-STOP
f-STOP incrase
 
Fotografia digitale

G
Gigantografie
Grana

-Grana e messa a fuoco
-Grana e nitidezza
-Grana e sensibilitÓ
-Grana, sensibilitÓ e gigantografie
Grandangolo

 I
Illuminazione artificiale
IntensitÓ della luce
Iperfocale
Iride
ISO

L
Lampade
Lampeggiatore

M
Messa a fuoco

-Messa a fuoco e grana
-Messa a fuoco e ingrandimento
Misura
-Misura del diaframma
-Misura della sensibilitÓ

N
Nitidezza

-Nitidezza e grana
Normale (obiettivo)
Numero di diaframma
Numero guida (N.G.)
 

O
Obiettivo

-Obiettivo e profonditÓ di campo
Occhio
Oculare
Otturatore 

P
Pellicole

-Pellicole lente (definizione)
-Pellicole rapide (definizione)
Pentaprisma
Potere risolutivo
ProfonditÓ di campo

-ProfonditÓ di campo e diaframma
-ProfonditÓ di campo e lettura dell'obiettivo
-ProfonditÓ di campo e gli obiettivi

R
Relazione tra diaframmi e tempi d'esposizione
Retina

S
Scala dei tempi d'esposizione
Scelta del tempo d'esposizione
SensibilitÓ

-Misura della sensibilitÓ
-SensibilitÓ e grana
-SensibilitÓ, grana e gigantografie
Serie dei numeri di diaframma
Specchio mobile
Supporto

T
Teleobiettivo
Tempo d'esposizione

-Tempo d'esposizione con il flash (lampeggiatore)
-Relazione col diaframma
-Scelta del tempo d'esposizione
-Scala dei tempi d'esposizione

Z
Zoom

 L'ANGOLO DI CAMPO

Nell'occhio l'angolo di campo Ŕ il massimo angolo entro il quale si pu˛ osservare l'ambiente esterno. Da un punto di vista pi¨ pratico Ŕ ovvio che il nostro occhio non pu˛ vedere tutto il mondo a 360 gradi ma pu˛ osservarne solo una porzione alla volta; questa porzione (misurata in gradi) Ŕ l'angolo di campo.
L'angolo di campo viene solitamente indicato con la lettera greca gamma minuscola (figura 3).
L'angolo di campo pu˛ variare a seconda se si tiene l'occhio fisso o se lo si muove ma dal punto di vista del fotografo l'angolo di campo dell'occhio pu˛ essere fissato a 45 gradi o comunque da un minimo di 40 ad un massimo di 55 gradi.
Uno strumento che osserva un panorama con un angolo di campo maggiore di quello del nostro occhio (o comunque che lo allarga; come una lente divergente) deve fare in modo che una porzione di spazio maggiore del normale sia contenuta in quella visibile dall'occhio e quindi rimpicciolisce le immagini per farle stare tutte nello spazio a disposizione; ne deriva che gli oggetti osservati risultano essere pi¨ piccoli del normale e quindi pi¨ lontani.
L'esatto contrario lo si ha con uno strumento che usa un angolo di campo minore dell'occhio umano; dove gli oggetti devono essere ingranditi per far sý che occupino tutto lo spazio disponibile e quindi risultano essere anche pi¨ vicini.

www.scalve.it